Mediexplorer
Reumatologia
OncoGinecologia.net
Neurologia

L'Idrossiurea è associata a significativa riduzione della conta degli spermatozoi


Sei mesi di terapia con Idrossiurea hanno effetti negativi sulla spermatogenesi negli uomini con anemia falciforme, secondo un piccolo studio prospettico.

L'Idrossiurea ( Onco Carbide ) è stata approvata dalla FDA nel 1998 per il trattamento dell'anemia falciforme; il farmaco contribuisce a ridurre la produzione di emoglobina S.
I suoi effetti collaterali comprendono bassa conta ematica, sintomi gastrointestinali e perdita di appetito.

In precedenza tre studi retrospettivi avevano mostrato una associazione tra Idrossiurea ed effetti potenzialmente dannosi sui parametri spermatici negli uomini con anemia falciforme.
Tuttavia, queste osservazioni sono avvenute in studi che hanno coinvolto solo 8 uomini; di questi 7 non avevano avuto alcuna valutazione comparativa dello sperma prima dell'inizio della terapia con Idrossiurea.

E' stato disegnato uno studio prospettico e multicentrico per valutare l'effetto di 6 mesi di terapia con Idrossiurea sul numero totale di spermatozoi in 35 uomini sessualmente attivi di età compresa tra i 18 e i 60 anni ( età media, 33.6 anni, range 20-51; peso medio, 66,2 kg; altezza media, 1.77 cm; indice di massa corporea [ BMI ] medio di 21.1 kg m2; età media dell'inizio della pubertà, 16.2 anni ) con grave anemia falciforme.

I pazienti nello studio HYDREP ( HYDroxyurea and REProduction ) hanno ricevuto Idrossiurea ( 15-30 mg/kg al giorno ) secondo la tollerabilità ematologica.

I ricercatori hanno calcolato il numero totale di spermatozoi moltiplicando il numero di spermatozoi per mL per il volume di eiaculazione.

I pazienti senza cellule spermatiche sono stati definiti come azoospermici e quelli con rare cellule spermatiche come criptozoospermici.

Prima dell'inizio del trattamento con Idrossiurea, il 40% dei partecipanti presentava un anomalo conteggio spermatico totale, e un paziente presentava criptozoospermia, confermando l'alterazione dei parametri spermatici correlati all'anemia falciforme.

Sei mesi dopo l'inizio del trattamento con Idrossiurea, sono stati raccolti e analizzati nuovi campioni di sperma.
A quel tempo, il numero totale di spermatozoi è diminuito da 129.8 milioni ( mediana, 61.6 ) a 24.1 milioni ( mediana, 0.63; P inferiore a 0.0001 ).

Il numero di uomini con un anomalo numero totale di spermatozoi a 6 mesi è più che raddoppiato rispetto alla fase iniziale ( 86% versus 40% ).

Inoltre, l'86% degli uomini ha mostrato una diminuzione del numero totale di spermatozoi a 6 mesi, indipendentemente dal loro livello iniziale.

Si è verificato un forte aumento nel numero di uomini ritenuti criptozoospermici ( n=5 ) e azoospermici ( n=6 ).
Questi dati indicano che per questi 11 uomini ( 31% ) il concepimento naturale era improbabile , rispetto a 1 uomo ( 2.8% ) prima della terapia con Idrossiurea.

Inoltre, solo il 14% degli uomini ha presentato un normale numero totale di spermatozoi dopo 6 mesi di terapia, contro il 60% prima del trattamento con Idrossiurea.

L'età del paziente non ha avuto alcuna influenza sul totale degli spermatozoi al momento di iniziare il trattamento con Idrossiurea o a 6 mesi.
Il trattamento con Idrossiurea non ha avuto alcun effetto rilevabile sul volume di sperma ( 2.34 mL vs 2.5 mL ).

Lo studio non ha risposto a tre domande fondamentali: se la riduzione del numero totale di spermatozoi fosse reversibile dopo la sospensione dell'Idrossiurea; gli effetti a lungo termine del trattamento con Idrossiurea sulla spermatogenesi dei giovani con anemia falciforme; e l'impatto della terapia con Idrossiurea sulla fertilità maschile. ( Xagena2017 )

Fonte: Blood, 2017

Emo2017 Uro2017 Farma2017


Indietro