Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

L'EMA ha avviato la revisione dei dati di sicurezza degli inibitori della Janus chinasi per i disturbi infiammatori


Il Comitato di sicurezza dell'EMA ( PRAC; Pharmacovigilance Risk Assessment Committee ) ha avviato una revisione dei dati di sicurezza riguardo agli inibitori della Janus chinasi ( JAK ) utilizzati per il trattamento di diversi disturbi infiammatori cronici ( artrite reumatoide, artrite psoriasica, artrite idiopatica giovanile, spondilite anchilosante, colite ulcerosa e dermatite atopica ).
La revisione è stata sollecitata dai risultati finali di uno studio clinico ( studio A3921133 ) condotto con l'inibitore JAK Xeljanz ( Tofacitinib ).

Dallo studio è emerso che i pazienti che assumevano Xeljanz per l'artrite reumatoide e che erano a rischio di malattie cardiache avevano maggiori probabilità di avere un grave problema cardiovascolare ( come infarto miocardico, ictus o morte per malattie cardiovascolari ), e avevano un rischio maggiore di sviluppare un tumore rispetto a quelli trattati con medicinali appartenenti alla classe degli inibitori del TNF-alfa.
Lo studio ha anche mostrato che rispetto agli inibitori del TNF-alfa, Xeljanz è risultato associato a un rischio maggiore di morte per ogni causa, infezioni gravi e coaguli di sangue a livello polmonare e nelle vene profonde ( tromboembolia venosa, TEV ).

Inoltre, i risultati preliminari di uno studio osservazionale che ha coinvolto un altro inibitore di JAK, Olumiant ( Baricitinib ), hanno indicato un aumento del rischio di gravi problemi cardiovascolari e di tromboembolismo venoso nei pazienti con artrite reumatoide trattati con Olumiant rispetto a quelli trattati con inibitori del TNF-alfa.

Nel trattamento dei disturbi infiammatori, Olumiant e altri inibitori JAK agiscono in modo simile a Xeljanz.
Il PRAC eseguirà, pertanto, una revisione per determinare se questi rischi sono associati a tutti gli inibitori JAK autorizzati nell'Unione Europea ( UE ) per il trattamento dei disturbi infiammatori e se le autorizzazioni all'immissione in commercio di questi medicinali debbano essere modificate.

Alcune misure per ridurre al minimo questi rischi sono già in atto per Xeljanz a seguito di una revisione conclusa nel 2020, che ha analizzato i risultati intermedi dello studio A3921133.
Inoltre, le informazioni del prodotto per Xeljanz sono state ulteriormente aggiornate nel 2021 per riflettere l'aumento del rischio di gravi problemi cardiovascolari e tumori osservato dai dati aggiuntivi provenienti da questo studio.

Le Janus chinasi ( JAK ) appartengono a una famiglia di tirosin-chinasi che trasducono segnali mediati da citochine attraverso la via metabolica JAK-STAT.
Questi enzimi svolgono un ruolo importante nel processo infiammatorio.

Alcuni inibitori della JAK ( Jakavi [ Ruxolitinib ] e Inrebic [ Fedratinib ] ) trovano impiego nel trattamento dei disturbi mieloproliferativi; in questa fase la revisione del PRAC non riguarderù questi medicinali. ( Xagena2022 )

Fonte: EMA, 2022

Reuma2022 Cardio2022 Med2022 Farma2022


Indietro