Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Ocaliva: nuova controindicazione per il trattamento della colangite biliare primitiva nei pazienti con cirrosi epatica scompensata o anamnesi di precedente scompenso epatico


Vista l'incapacità di stabilire la sicurezza e l'efficacia dell'Acido Obeticolico ( Ocaliva ) mediante studi clinici nei pazienti con colangite biliare primitiva ( PBC ) e cirrosi epatica scompensata, o con una precedente storia di scompenso epatico, nonché nuove informazioni sulla sicurezza da post-marketing, l'uso di Acido Obeticolico è ora controindicato nei pazienti con colangite biliare primitiva e con cirrosi scompensata ( inclusa classe Child-Pugh B o C ) o un precedente evento di scompenso.

• Il trattamento deve essere interrotto nei pazienti con colangite biliare primitiva e con cirrosi scompensata in trattamento con Acido Obeticolico.

• I pazienti devono essere monitorati di routine per la progressione della colangite biliare primitiva e il trattamento con Acido Obeticolico deve essere interrotto definitivamente nei pazienti con evidenza clinica o di laboratorio di scompenso epatico, inclusa la progressione alla classe Child-Pugh B o C.

• Il trattamento con Acido Obeticolico non deve essere iniziato se il paziente ha una cirrosi scompensata o una storia di un evento di scompenso prima dell'inizio del trattamento.

L'Acido Obeticolico è un agonista del recettore farnesoide X ( FXR ) e un acido biliare modificato. Ha ricevuto l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata nel dicembre 2016 per il trattamento della colangite biliare primitiva in associazione ad Acido Ursodesossicolico ( UDCA ), negli adulti con una risposta inadeguata ad UDCA, o come monoterapia negli adulti incapaci di tollerare UDCA.

I risultati dell'analisi ad interim degli studi volti a confermare l'efficacia e la sicurezza nei pazienti con colangite biliare primitiva e con cirrosi scompensata ( compromissione epatica da moderata a grave ), ovvero lo studio 747-401, e in una popolazione PBC più ampia, ovvero lo studio 747-302, sono stati ritenuti altamente probabili essere inutili dal Comitato indipendente di monitoraggio dei dati degli studi.
Date le difficoltà a completare gli studi, le limitate informazioni disponibili per definire il rapporto rischio / beneficio e la natura clinicamente più fragile dei pazienti con colangite biliare primitiva e cirrosi scompensata, il Riassunto delle caratteristiche del prodotto ( RCP ) è in fase di aggiornamento per controindicare l'uso di Acido Obeticolico in questi pazienti.

Inoltre, sono stati presi in considerazione anche i dati di sicurezza disponibili da segnalazioni post-marketing nei pazienti con colangite biliare primitiva e con cirrosi, ovvero casi di patologie epatobiliari, tra cui insufficienza epatica e cirrosi epatica, per i quali esiste la possibilità di una associazione causale con il trattamento con Acido Obeticolico.

Di conseguenza, la sezione 4.3 ( Controindicazioni ) dell'RCP è in corso di aggiornamento per riflettere la controindicazione dell'Acido Obeticolico nei pazienti con cirrosi scompensata ( ad es. classe di Child-Pugh B o C ) o un precedente evento di scompenso, e la sezione 4.4 ( Avvertenze speciali e precauzioni ) includerà nuove informazioni sullo scompenso e sull'insufficienza epatica, a volte ad esito fatale o con conseguente trapianto di fegato, che si verificano con il trattamento con Acido Obeticolico nei pazienti con colangite biliare primitiva e cirrosi, compensati o scompensati.
Anche la sezione 4.8 ( Effetti indesiderati ) verrà aggiornata per includere i disturbi epatobiliari nell'elenco delle reazioni avverse. ( Xagena2022 )

Fonte: EMA, 2022

Gastro2022 Farma2022


Indietro